RD Roma Blog

Crisi, Cibo, Religione e Imprenditoria Giovanile

CIBO SI ADEGUA, DA “MUCCA A QUOTE” A SALAME PER MUSULMANI ROMA – Dal salame halal, per intercettare i gusti degli 1,4 milioni di musulmani arrivati in Italia, al “cow pooling”, l’acquisto collettivo della carne di mucca per risparmiare, fino all’orto consegnato a domicilio in barca tra i canali veneziani. Sono alcune delle idee delle giovani imprese per battere la crisi, messe in risalto dall”Oscar Green’, il premio per l’innovazione in agricoltura promosso dai giovani della Coldiretti, con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. I vincitori sono stati premiati nel corso di una cerimonia svoltasi a Palazzo Rospigliosi. Con il numero degli immigrati più che raddoppiato negli ultimi dieci anni, il cibo halal – sottolinea Coldiretti – rappresenta oggi un mercato in ascesa, con un giro d’affari di 67 miliardi di dollari in Europa. Da qui l’idea di Antonio Fernando Salis (premio “Esportare il territorio”), dell’azienda “La Genuina” di Ploaghe (Sassari), di produrre salumi preparati secondo le regole halal (per i musulmani) e kosher (per la religione ebraica), utilizzando carne di pecora e di capra. I prodotti vengono controllati e certificati dall’Imam, la principale autorità religiosa per l’Islam, e dal Rabbino.

In tempi di crisi, Ferdinando Cornalba (”Stile e cultura d’impresa”), dell’azienda agricola Cornalba di Locate Triulzi (Milano) ha puntato invece sul ”cow pooling”. In pratica l’azienda da’ la possibilita’ a piu’ famiglie di acquistare parti o anche una mucca intera e di dividersi poi la carne. Un’esperienza che, in tempo di crisi, sta avendo un grande successo negli Stati Uniti. Ma tra i premiati all’Oscar Green c’e’ anche chi fa giocattoli. Nell’antico fienile dell’Oasi agrituristica Baugiano di Quarrata (Pistoia), Stefania Corrocher (”Sviluppo locale”) ha messo in piedi una vera e propria ”fabbrica” a impatto ambientale zero dove si realizzano fionde, fucili a molla, burattini. Una menzione speciale e’ andata infine a Carlo Finotello, orticoltore di Venezia che si e’ inventato il servizio ”miglianautichezero”, ovvero la consegna della spesa, raccolta nel proprio orto nell’isola di Sant’Erasmo, direttamente in barca alle famiglie veneziane.

Ansa News, fonte del 11 giu 2009

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: